http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_65555 an entity of type: E22_Man-Made_Object

Le figure dei santi sembrano costruite su suggestioni dell'arte italiana del tardo Cinquecento (figure allungate, il disegno guizzante, la posa manierata) con l'aggiunta di un panneggiamento ridondante, ricco di pieghe e curve, quasi taglienti, che invece fanno pensare alla tradizione fiamminga. Sicuramente il disegno è ispirato ad un modello di riferimento che doveva essere impiegato per la costruzione dei personaggi ( i due santi sono compositivamente molto simili). Modelli che abbiamo già avuto occasione di rilevare anche per il rilievo dell'"Annunciazione" (nello stesso tabernacolo) e che si ripeteranno anche cinque anni più tardi nell'altare n. 93, sempre firmato George Schreiber, poichè considerati evidentemente pregevoli. 
Incisione su ambra entro cornici ovali racchiudenti rispettivamente san Pietro e san Giorgio. L'incisione è passata a foglia d'oro su pigmento rosso, mentre il fondo è dipinto di nero e in parte dorato. 

data from the linked data cloud