http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_65229 an entity of type: E22_Man-Made_Object

Mezzo busto imperiale loricato dai tratti somatici ricollegabili all'iconografia di Traiano. La testa, in calcedonio, presenta una capigliatura a calotta incisa a grandi solchi. Sul busto armato in alabastro è sovrapposta una clamide di metallo dorato. Poggia su piedistallo di breccia a tronco di cono sagomato alle due estremità. 
Il piccolo busto, composto attraverso l'assemblaggio di pezzi diversi, costituisce un esempio assai significativo del gusto antiquario tardo cinquecentesco. "Pastiche" di questo genere per il loro carattere di preziose "curiosità antiquarie", erano esposte in quantità notevoli nell'originario allestimento della Tribuna degli Uffizi, come si può verificare attraverso l'inventario redatto nel 1589. In particolare, per il presente bustino, è stato possibile risalire all'esatta collocazione all'interno della Tribuna. Esso inaffti, insieme ad altri sette attualmente divisi tra il Museo Archeologico ed il Museo degli Argenti (inv. nn. 455, 522, 794) apparteneva all'apparato decorativo dello studiolo eseguito su progetto di Bernardo Buontalenti per Francesco I de' Medici. Nella prima metà del Seicento, il bustino venne trafugato, ritrovato nel giro di pochi anni, esso tornò a decorare il mobile, ma privo dell'originale clamide d'argento, sostituita con quella attuale di metallo dorato. La rimozione definitiva del mobile risale agli inizi del Settcento; fino alla seconda metà del secolo fu esposto nelle mensole lungo le pareti della Tribuna, da lì venne tolto per passare nella sala delle Gemme, dove rimase fino al 1920/26. 

data from the linked data cloud