http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_65186 an entity of type: E22_Man-Made_Object

La statuetta della Fama attualmente visibile sulla sommità della colonna, sarebbe stata posta alla fine del Settecento in sostituzione di una statua dorata di Mercurio. Alla metà del XIX secolo la colonna veniva considerata un'opera fiorentina dei primi del seicento. Le scene incise venivano allora identificate con la conquista di Siena da parte di Cosimo I. Nlla fondamentale opera di Kris il pezzo trovava un inquadramento nell'ambito dell'antichizzante produzione settetrionale del secondo quarto del '500. La committenza dell'oepra presenta dei collegamenti con Carlo V, il cui ritratto è stato riconosciuto tra quelli imperiali posti sulla base della colonna. 
Colonna istoriata composta di sette pezzi di cristallo di monte tenuti insieme da un pernio d'argento dorato, è sorretta da sei leoni giacenti in agata orientale, ed è sormontata da un globo terrestre di cristallo con una statua in bronzo dorato raffigurante la Fama. Poggia su un basamento di bronzo dorato esagonale con mascheroni sugli spigoli e festoni sui lati. Tutta la colonna presenta delle decorazioni incise; sul piede esagonale sono scene allegoriche tra cui si individua l'immagine di un tempio. Nel registro superiore si trovano vari medaglioni con ritratti imperiali; questo è sormontato da un elemento a balaustro con due raffigurazioni: una ambientata ad una corte imperiale dove un personaggio viene insignito di onoreficenze; l'altra alla presenza del Pala che affiancato da due cardinali riceve un vescovo. Nella fascia più in alto è visibile la scena di un saccheggio e la chiusura delle porte del tempio di Giano. Lungo il fusto della colonna vera e propria si snoda una processione trionfale diretta verso una città posta sulle rive di un fiume. Sulla base è posto lo stemma della famiglia Pallavicini. 

data from the linked data cloud