http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_64755 an entity of type: E22_Man-Made_Object

Montatura in oro con due maglie circolari saldate alle estremità verticali. 
L'opera è stata rintracciata tra i cammei moderni della collezione di Cosimo III de' Medici descritti nell'inventario redatto da Luigi Strozzi nel 1676. Il soggetto riproduce il celebre gruppo scultoreo, ora ai Musei Vaticani, così come si presentava dopo l'integrazione in cera apportata da Baccio Bandinelli al braccio del sacerdote troiano. Per il suo valore di "exemplum doloris", il tema trovò larga diffusione nell'arte del XVI secolo, ma sono note anche diverse repliche eseguite già nell'antichità. Nel "Catalogo generale della Dattilioteca" Michele Arcangiolo Migliarini ricorda inoltre che al suo tempo circolavano molte copie su gemme del Laocoonte riprese dall'antico, "tutte ben truccate ma non finissime, come la presente" (BSAT, ms. 194, n. 382). 

data from the linked data cloud