http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_53398 an entity of type: E22_Man-Made_Object

La scultura riproduce linee geometrico-stellari già analizzate per l'opera conservata al terzo piano della Biblioteca Nazionale di Potenza (v. NCTN 1700168517) ma se ne diversifica e discosta per l'intersezione strutturata dei piani giocata, su incroci perpendicolari di linee e, per la sottigliezza che le forme assumono. Le decorazioni taglienti si spengono nei vuoti, nelle assenze di materia, in forme ritmiche che si intrecciano creando scenografie fantastiche di articolazioni plastiche, dove lo spazio è materia in espansione. Il principio fondamentale che sta alla base del suo lavoro di artista è la libertà, perciò le creazioni scultoree hanno spesso forme istintive: non importa che somiglino a qualcosa di già esistente, non importa che raffigurino alcunchè, ciò che importa è che esse facciano emergere la forza espressiva della materia e la loro integrazione con l'ambiente e in questo è possibile accostare la ricerca di Friscia con quella di Henry Moore. 
La scultura dalle forme astratte è caratterizzata dall'intersezione di forme geometrico-stellari puntute. 

data from the linked data cloud