http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_39838 an entity of type: E22_Man-Made_Object

Il rosone risulta diviso in due semicerchi, connessi forse del significato: vi si individuano nella parte inferiore un'incudine il cui piano occupa tutto il diametro, mentre al di sopra è il cerchio con la croce lobata. 
Probabile è l'attribuzione della costruzione del chiostro al Maestro Danese da Viterbo che nel 1487 già lavorava alla Quercia. L'autore del Chiostro ha imitato, non riprodotto il chiostro di Santa Maria di Gradi. 

data from the linked data cloud