http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_39833 an entity of type: E22_Man-Made_Object

Il disegno parte da un piccolo triangolo centrale dal quale si dipartono dei prolungamenti che nella sinuosità prima verso sinistra, poi verso destra individuano degli archetti lobati che sembrano ondeggiare scompostamente ma che in realtà sono precisissimi nella loro esecuzione. 
Probabile è l'attribuzione della costruzione del chiostro al Maestro Danese da Viterbo che nel 1487 già lavorava alla Quercia. L'autore del Chiostro ha imitato, non riprodotto il chiostro di Santa Maria di Gradi. Inquietante quanto interessante realizzazione di lavoro a traforo che lascia facilmente adito a diverse interpretazioni di significato e di visualizzazione. 

data from the linked data cloud