http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_39831 an entity of type: E22_Man-Made_Object

La decorazione a traforo è data qui dal grande cerchio inserito a tangente vero l'alto la cui cornice rilevata è il proseguimento della circonferenza stessa e che prosegue senza soluzione di continuità fino a determinare quattro motivi a goccia con archetto lobato disposto in contrapposizione. 
Probabile è l'attribuzione della costruzione del chiostro al Maestro Danese da Viterbo che nel 1487 già lavorava alla Quercia. L'autore del Chiostro ha imitato, non riprodotto il chiostro di Santa Maria di Gradi. 

data from the linked data cloud