http://dati.culturaitalia.it/resource/oai-culturaitalia-it-museiditalia-work_36015 an entity of type: E22_Man-Made_Object

Il dipinto raffigura il pranzo di Carlo III dopo una battuta di caccia. La scena Ë ambientata in una vallata di Terra di Lavoro delimitata a nord da un'imponente montagna con alle pendici una folta boscaglia che dirama sui lati. In secondo piano sotto due tendoni a strisce sono accomodati il Re e i vari esponenti della corte, mentre molti uomini, gli addetti ai cavall i ed i servitori, siedono lungo i tavoli in primo piano. Ai margini della scena cani e cavalli si godono il meritato riposo dopo l'impegnativa matti nata. 
Alessandro De Anna figlio e allievo del pittore palermitano Vito, nacque a Palermo intorno al 1746. Gli esordi lo videro impegnato in pittura sacra, tra le sue prime opere "La Vergine con Sant'Anna e San Luigi" firmato e d atato nella chiesa dei Crociferi a Palermo. In seguito acquisÏ notoriet‡ p er una serie di incisioni in rame tratte dalle sue gouaches dell'Etna e de l Vesuvio. Presente a Napoli dal 1779, realizzÚ gouaches con brani di vita popolare (1780-1782), vedute del paesaggio urbano (1787) e vedute pittore sche dei dintorni (1796). Tra il 1786 ed il 1789, su incarico di Ferdinand o IV disegnÚ i costumi del Regno per la Real Fabbrica di Capodimonte. Espo nente della tradizione di vedutisti che fa capo a Filippo Hackert, in oper e come questa si nota l'attenzione che l'artista riponeva nel costruire la scena secondo il rigido rispetto della prospettiva e dello schema composi to geometrico, ma si nota anche la capacit‡ che aveva di rendere con minuz ia lenticolare le figurine che numerose popolano i suoi quadri. La tela in esame fa parte di una serie di sei, celebranti le fortune venatorie di Ca rlo di Borbone. 

data from the linked data cloud